13° SETTIMANA: LA FRETTA

VIDEO dal 1.08’ al 1.53’ (35 minuti)        http://vimeo.com/54455440 Samatha , fermarsi. Vivere felicemente nel momento presente asinoPINOKnotteVorremmo riproporvi  la pratica con l’energia della Fretta, la stessa con la quale abbiamo iniziato preparandoci al Percorso.(con un nuovo video) L’energia della Fretta,dell’ansia che spesso ci fa correre dalla sveglia del mattino sino a quando entriamo stanchi nel letto, a volte persino nei sogni! La Fretta sarà la nostra migliore amica proprio perché ci ricorderà che siamo liberi in ogni momento di stare bene, di fermarci per un attimo prendere un profondo respiro. Iniziamo subito a darci quel rispetto, quell’affetto che crea verso noi stessi una relazione di profonda amicizia; è così che possiamo porre le fondamenta per una relazione sana con gli altri. Regaliamoci momenti di pausa, momenti di amicizia, di gioco e di intimità con noi stessi. Anche un minuto, anche un solo respiro sono un regalo prezioso che interrompe l’ansia che cavalca le nostre giornate e ci ricorda che, nel cuore del riposo, c’è un luogo di pace a cui possiamo accedere in ogni momento, un luogo che nessuno ci può dare e nessuno ci può togliere. Vorremmo condividere la nostra pratica con l’energia della fretta: 1.  Appuntamento. Mi do un appuntamento alla prossima volta in cui sarò nell’energia della fretta. 2.  Riconoscimento. Improvvisamente esco dall’oblio e riconosco di essere nell’energia della fretta. 3.  Esplorazione. Pur continuando a farmi condurre dall’energia della fretta inizio ad esplorarla. Com’è, dov’è ?Qual è la sensazione generale, come sto? Dov’è nel corpo la fretta? È una contrazione, una pressione, una torsione? Spesso risvegliandomi in questo stato mentale ho la sensazione di essere tra passi indietro al dove dovrei essere, di rincorrere, di essere inseguito … 4.  Posso stare bene ora? In questo momento posso rallentare o fermarmi ,rilassarmi per poi adottare un passo, un ritmo, nel quale posso sentirmi a mio agio, nel quale posso permettermi di respirare o devo continuare ad affannarmi nel disagio, nell’ansia? Mi pongo sinceramente questa domanda, senza dare la risposta per scontata e mi metto all’ascolto. 5.  Si, posso fermarmi, prendere un respiro … No, non posso fermarmi, starò bene dopo, ora non posso … Quando la risposta è negativa, ascolto profondamente la voce in me che mi spiega che non posso rallentare o riposare, non posso stare bene adesso, dopo…dopo non ora. Possiamo notare come spesso (per non dire sempre) c’è un’idea che si nasconde dietro le argomentazioni della mente, un’idea che sdogana il malessere. Forse potremmo scoprire un’idea tanto radicata, tanto vicino al nostro naso da essere invisibile. Un’idea che molte volte è legata ad un ruolo: bravo figlio, figlia, buon padre, madre, monaco, buddista, cristiano, ateo ,brava persona, onesto cittadino, persona concreta ,spirituale o di buon senso, vegetariano, vegano, crudista …. Una delle definizioni di Nirvana è la fine dei concetti, delle convinzioni. Quello che ci fa amare così tanto il cammino del  Buddha trasmessoci da  Thay è l’invito a lasciar cadere ogni idea, ogni concetto invece di adottarne di nuovi. Buona esplorazione, anzi … buona caccia! Un abbraccio tutti dal Sangha dei “Tre mesi con il corpo”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...